I Territori

the-mission

Mouse Guard – La Guardia dei Topi è ambientato in un mondo di topini senzienti, che vivono in un’epoca medievale in parallelo con la storia umana. Nel loro mondo non compaiono gli esseri umani, ma le storie di questi topi coraggiosi ruotano attorno ad un’organizzazione di topini simile alla Compagnia dei Templari, nota come La Guardia dei Topi. Proprio come le loro controparti umane, questi onorevoli ed altruisti topi hanno giurato di servire i loro compagni topi, artigiani e comuni abitanti dei Territori, nel momento del bisogno, curando i confini, aprendo passaggi sicuri attraverso i Territori, proteggendoli dai predatori.

La storia dei Territori, è lunga e travagliata. La lotta dei topi per vivere in modo sicuro e prosperare in condizioni difficili in un mondo proprietà dei predatori, ha avuto il suo vero inizio alla fondazione della Guardia. 

Dopo una devastante guerra contro un Signore delle Donnole nell’Inverno del 1149, i Territori non sono più in una guerra aperta con le donnole, anche se debbono sempre essere in guardia contro i pericoli di ogni giorno, ma adesso sono combattenti preparati oltre che scorte per le carovane, esploratori, meteorologi, scout e guardie del corpo per i topi che vivono nei Territori. Hanno un Credo e degli Ideali, e questo li distingue dai topi del passato: creaturine smarrite e sperdute in un mondo tanto più cattivo di loro.

I Territori dei Topi  sono una porzione di terra aspra e rocciosa compresa fra alti picchi che sorgono ad est e ad ovest della regione. A nord dei Territori c’è il Mare del Nord, mentre a sud-est c’è una regione punteggiata di laghi e stagni. Il terreno non è adatto per l’agricoltura ma è ricco di foreste ed è ricoperto di un fitto e pericoloso sottobosco.

saxon print colorLA FORESTA
La foresta, nei Territori, cresce molto durante l’estate e la sua copertura è talmente fitta che fa sì che i raggi del sole non raggiungano il suolo. Sotto i rami della foresta fa fresco, è umido e tutto è annebbiato.

I mirtilli, i lamponi e le more crescono selvatici ovunque nei Territori. Questi arbusti fanno crescere frutti deliziosi durante l’estate alcuni dei loro steli sono ricoperti da aculei e spine. Molti animali, come le lepri, i cervi e gli uccelli, si nutrono di queste bacche. Questi frutti, naturalmente, attraggono i predatori. Ma un predatore in particolare è attratto dai rovi e dalle spine: l’averla. Questo uccello utilizza gli aculei e le spine per impalare le proprie prede. È alquanto raccapricciante.

I topi non si sottraggono ai pericoli, ma fanno affidamento più sulla saggezza che sulla forza:

Ogni topo possiede un’unica foglia nella vasta foresta della conoscenza.
Tieniti stretto la tua foglia: una piccola quantità di saggezza è meglio che niente.

– Allyson, Matriarca della Guardia dal 1071 al 1099.


thane-sadieLAGHI STAGNI E RUSCELLI
Ci sono tre specchi d’acqua nell’entroterra dei Territori. Insieme, questi tre laghi formano essenzialmente il confine orientale dei Territori dei Topi. I topi non si avventurano spesso nelle acque aperte poiché è pericoloso e non sono fatti per le avventure via mare.

Il terreno dei territori diventa paludoso nelle coste orientali dei laghi. Le paludi sono poco profonde e con una fitta presenza di erba e muschio. Questo terreno pericoloso è difficile da attraversare: l’acqua è piena di erbacce e le zone di terra presenti sono molto piccole e sparpagliate.

Moltissimi ruscelli attraversano i Territori. Alcuni corrono entrano nelle coste, altri nei laghi, altri Brugoscuro o il territorio Selvaggio. I ruscelli sono la casa di rane, rane toro, visoni, aironi, tartarughe, tartarughe azzannatrici, tritoni, castori ed altri animali. Attraversare un ruscello poco profondo e che fluisce lentamente è una semplice seccatura. Guadare un ruscello profondo e con una corrente alquanto veloce è un’operazione pericolosa.


città topiGLI INSEDIAMENTI NEI TERRITORI

Nel Gioco de La Guardia dei Topi ci sono molti insediamenti. I più importanti sono descritti nel Manuale Base che, essendo un progetto crossmediale, come Dragonero Gdr si integra con i fumetti. Ce ne sono poi alcuni che vengono riportati semplicemente con delle indicazioni base, ma la parte più bella di un gioco di ruolo è che i Master e i giocatori possono collaborare a crearne di propri, ricchi e originali, seguendo le semplici linee guida fornite per gli insediamenti esistenti.

Gli insediamenti principali nei Territori sono otto. In ordine alfabetico, questi insediamenti hanno il nome di: Fendabete, Legnorame, Muschiolmo, Pietraforra, Porto Sommacco, Rocciacorteccia, Tanasicura e Valledera. Nel manuale del gioco, troverete le informazioni per usarli in gioco, e nei fumetti vedrete come sono fatti e visiterete le loro strade.

FENDABETE
Il suo nome viene dall’attività artigianale che l’ha resa famosa: la raccolta della linfa dei numerosi abeti che la circondano. I topi studiosi di Fendabete spillano varie bevande fermentate e pozioni distillate di questa linfa resinosa, e le utilizzano per molti rimedi naturali. In inverno i topi di Fendabete si riscaldano utilizzando le pietre riscaldate, che posizionano nel focolare al centro della cittadina e che poi trasportano all’interno delle loro case. Fendabete sorge all’interno di un abete cavo. Qui i topi hanno costruito delle abitazioni su più livelli. I rifornimenti vengono inviati ai piani più alti usando delle carrucole controbilanciate. L’acqua piovana viene raccolta in una cisterna tra le radici dell’albero.

LEGNORAME
Legnorame è una delle città più grandi e antiche dei Territori. La sua attività più importante è l’estrazione e la lavorazione dei metalli, per lo più rame. Se Legnorame non fosse così vasta, sarebbe completamente autosufficiente. Sono Legnoferro e Legnorame a fornire ai territori la maggior parte dei metalli necessari. I fabbri e gli armaioli di Legnorame realizzano ogni genere di oggetto e di arma, e creano anche le monete usate a Fendabete e Muschiolmo, ed anche quelle che venivano utilizzate a Nocetocca prima che cadesse. La citta si estende all’interno di una grande quercia fino ai suoi rami più alti. Le sentinelle tengono d’occhio i predatori, l’andirivieni di topi e, soprattutto, le condizioni atmosferiche.

MUSCHIOLMO
Muschiolmo si chiama così per il muschio che cresce sul tronco dell’olmo più vecchio dei Territori. Il muschio è rinomato per le sue proprietà curative. I topi di Muschiolmo raccolgono ed inviano la maggior parte del muschio a Fendabete, ma scambiano anche il muschio con le materie prime. Il legno degli olmi che crescono tutto intorno è un’altra risorsa di valore. Gli olmi sono idrorepellenti e molto robusti. Ci sono anche molte coltivazioni nelle vicinanze di Muschiolmo: avena, carote selvatiche e tuberi. La famiglia che governa Muschiolmo ha assoldato un gruppo di topi armati per proteggere gli operai mentre raccolgono i vegetali in campo aperto.

LOCANDAPIETRAFORRA
È costruita su un suolo di argillite friabile e i topi di Pietraforra hanno accesso ad una sorgente sotterranea che permette di sfruttare
il fresco delle pietre del sottosuolo per conservare i cibi deperibili. I suoi abitanti raccolgono molti frutti e noci, utilizzando attrezzi fatti a mano con l’argilla. Inoltre distillano e spillano un buon numero di bevande. Costruiscono molte delle loro strutture ed oggetti con il legno raccolto ad ovest dell’apertura del rifugio. Molte famiglie di topi vivono qui poiché c’è abbondanza di cibo, la cittadina concede una buona protezione ed è vicina a Tanasicura.

PORTO SOMMACCO
Porto Sommacco è una cittadina di mare che sovrasta una baia tranquilla. Il porto è un punto dove fare provvista durante i viaggi commerciali tra Acquascura e Ruggifoglia.

fcf7813f827e3467f0564d0869730f66ROCCIACORTECCIA
Rocciacorteccia è una cittadina di operai. Oltre ai negozi e agli artigiani c’è una locanda per i viaggiatori, una taverna per la gente del posto, un archivio ben tenuto di documenti scritti a mano e parecchi raccoglitori. Rocciacorteccia è collocata sul lato occidentale dei Territori. Un tempo, città come Radurasperula e Valfelce si trovavano tra Rocciacorteccia e Brugoscuro. Adesso che quelle città sono cadute, l’area intorno a Rocciacorteccia è più a rischio di attacchi rispetto a prima.

TANASICURA
Quartier generale della Guardia, Tanasicura è scavata in profondità nella roccia. Dall’esterno è visibile solo la facciata di Tanasicura, ricoperta di edera. Tanasicura serve come base per le operazioni della Guardia e non è più una vera città. Sebbene ci siano topi che vivono al suo interno come cittadini, sono ospiti invitati dalla Guardia. La Guardia estende il suo invito ai topi abili e degni di fiducia ed alle loro famiglie.

APETanasicura è anche la casa di una colonia di api. I topi raccolgono il miele come cibo ed utilizzano la cera per creare oggetti e per scopi medicinali. Al fine di ottenere questi risultati, i topi apicoltori addomesticano le api utilizzando il fumo. Le api, inoltre, svolgono la funzione deterrente naturale per gli altri predatori.

In passato, Tanasicura ha avuto la funzione di rifugio. È uno dei luoghi più centrali e fortificati dei Territori. Nonostante sia la casa di circa 70 topi della Guardia, è difficile trovarli all’interno della città. Sono sempre molto impegnati con le missioni e con i pattugliamenti per la maggior parte dell’anno.

VALLEDERA
Valledera è una città molto laboriosa che raccoglie la maggior parte dei cereali dei Territori. Tutti gli abitanti di Valledera, giovani e vecchi, maschi e femmine, lavorano per separare i semi dai gusci durante la stagione del raccolto. Alcune delle fibre coltivate vengono trasformate in stoffe, troppo grezze per essere utilizzate per creare vestiti, ma ottime come cerate, come isolanti e per la realizzazione di borse. I topi della Guardia sono sempre presenti a Valledera poiché molte delle spedizioni hanno bisogno di una scorta.

[Scopri di più nel Manuale de La Guardia dei Topi]


In vendita sul nostro sito trovate anche le bellissime graphic novel Mouse Guard – La Guardia dei Topi. Cliccate il bottone per andare allo shop.

O O